La maledizione dell’ago spuntato: prendersi cura di tutte le fasi di lavorazione del tessuto

Durante le operazioni di cucitura un nemico maledetto si nasconde a insidiare le lavorazioni: noi lo chiamiamo “ago spuntato”. È subdolo, strisciante, e, come un virus non identificato, se colpisce fa danni.

Si tratta di questo: la punta dell’ago di cucitura di una macchina da cucire, ad esempio una taglia-cuce, andando a colpire come non dovrebbe un’altra parte metallica, perde la punta, “spuntandosi” in maniera simile a una matita che cade a terra.

Cosa succede se l’ago ha la punta danneggiata? Strappa le fibre anziché evitarle con un ingresso puntiforme.

Un ago esegue migliaia di punti di cucitura in ogni minuto di lavorazione: se non ci si accorge immediatamente del problema può procurare danni ai tessuti lungo il percorso di cucitura. E questi danni sono tanto più evidenti quanto più fini e raffinati sono i tessuti lavorati.

Il nostro art. 4700 (ad esempio) è lo slip da donna realizzato con il tessuto più pregiato e leggero – 90% cotone titolo 80/1 makò mercerizzato Supima –  una sorta di “Rolls Royce” tra i tessuti, di altissima qualità e finezza.
Ma proprio queste sue caratteristiche richiedono massima cura in tutte le fasi di cucitura. Ciò comporta l’uso di aghi di elevata finezza (65/70) con punta particolare “a palla” (tipo SES), caratterizzata da una forma speciale appositamente studiata per cucire senza danneggiare tessuti molto leggeri e delicati come il “filo di scozia”. Spesso questi tessuti, specie nelle stagioni più secche, vanno anche adeguatamente umidificati prima delle lavorazioni di assemblaggio.

Nel nostro laboratorio di cucitura le ragazze controllano periodicamente più volte al giorno l’ago della macchina che stanno utilizzando, e se lo trovano “spuntato” vanno subito a verificare i capi appena cuciti “tirando” le cuciture. Poi sostituiscono immediatamente l’ago e, se il problema si ripete, richiedono rapidamente l’intervento del meccanico specializzato; comunque l’operazione viene sospesa fino alla soluzione del problema.

Ecco: utilizzare tessuti pregiati significa anche prendersi cura particolare di tutte le fasi di lavorazione: i problemi causati da un “ago spuntato” sono evidenti sui tessuti di alta qualità, mentre possono risultare insignificanti su un tessuto grossolano ed economico!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *