A proposito di argento nei tessuti. Novità a tutti i costi. Perché?

Prendo spunto da un’indagine di Altroconsumo sull’argento nei tessuti come agente antimicrobico (tra le aziende esaminate, anche alcuni marchi di biancheria intima):

Le fibre tessili trattate con questo metallo dovrebbero avere il potere di tenere lontani microbi, funghi e cattivi odori. Spesso, però, si vantano queste proprietà solo per rendere più efficace la pubblicità. [Altroconsumo]

Questa indagine ha colpito la mia attenzione perché un paio di anni fa ci era stata proposta questa nuova procedura – il trattamento antibatterico con argento – come innovativa, vincente, di sicuro avvenire.

Come puoi leggere dall’indagine, i risultati dei test sono alquanto deludenti. Il trattamento con argento non ha alcuna efficacia, oppure la perde dopo appena 3 lavaggi.

Oltretutto, al contrario delle fibre poliammidiche, la fibra di cotone ha proprietà antibatteriche naturali dovute sia alla struttura e compattezza fisica, sia alle caratteristiche chimiche intrinseche.

La considerazione finale che mi viene da tutto ciò è la seguente:

a volte ci si sente “condannati” all’innovazione a tutti i costi o meglio a soddisfare l’esigenza del mercato di sfornare sempre e comunque nuovi prodotti.
Anche quando questi “nuovi prodotti” di fatto non portano i benefici promessi.

Ovvero: in funzione di una operazione commerciale necessaria a fare parlare di sé, qualsiasi prodotto va bene, l’importante è che tenga accese le luci sul brand e le sue iniziative.

Non sentiamo di appartenere a questo tipo di categoria. Perché andare a cercare la novità a tutti i costi quando quello che fai, lo fai bene?
Per questa ragione continuiamo a produrre capi in tessuti di qualità, che hanno già proprietà antibatteriche e altri pregi.
Siamo anche attenti alle novità, valutiamo le proposte che ci arrivano per nuovi procedimenti, trattamenti, tessuti. Ma finché non saranno migliori di quelli che usiamo già, beh, grazie, ma continuiamo per la nostra strada, convinti che sia quella giusta.

Commenti

  • Illuminante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *