Il caldo cotone: il tessuto perfetto per l’inverno

Si avvicina la stagione fredda e i più freddolosi si mettono alla ricerca dei capi giusti per stare al caldo: maglioni, pile, sciarpe, guanti, giubbotti, cappotti e chi più ne ha più ne metta.

Il nostro corpo è come una piccola stufa capace di generare una temperatura costante di poco meno di 37 gradi. Quando in inverno la temperatura esterna si abbassa parecchio, sentiamo la necessità di coprirci per mantenere caldo il nostro corpo.

La nonna dice: mettiti la canottiera

Per mantenersi caldi molti partono dall’esterno: piumoni, parka, cappotti imbottiti. Ma il modo più efficace per mantenere la temperatura corporea è partire dallo strato più interno: quello a contatto con la pelle!
Varie ricerche hanno dimostrato che la sensazione di calore si mantiene quando a contatto con la pelle si forma un “cuscinetto di aria calda” che isola verso l’esterno.

Quale tessuto indossare quando fa freddo per mantenere il caldo: dalla lana al caldo cotone

È facile capire che il primo tessuto che scegliamo di mettere a contatto con la pelle (il punto più caldo) è la scelta più importante.

Nei secoli passati, nel corso dell’evoluzione umana, è stata soprattutto la lana – ovvero il vello della pecora – la fibra tessile più usata per “tenersi caldi”.
La lana ha grossi vantaggi, primo fra tutti l’isolamento termico, sia d’inverno che d’estate. I beduini del deserto indossavano capi in lana, ma anche i nostri nonni nei campi, d’estate, portavano magliette di lana.

Gli svantaggi della lana a contatto con la pelle

La lana ha indubbi vantaggi, ma ha anche 3 grossi problemi, che la rendono non adatta a capi intimi:

  • ha fibre grezze e grossolane, ispide a contatto con la pelle
  • si infeltrisce facilmente dopo il lavaggio
  • ha tempi di asciugatura molto lunghi.

Grazie alla ricerca e all’evoluzione delle tecnologie tessili, negli anni ’90 si è intravista la possibilità di realizzare un tessuto che fosse, come la lana, leggero, morbido e voluminoso con una sensazione al tatto vellutata e calda, ma usando un filato in cotone.

Come è fatto il caldo cotone?

Questo tessuto speciale si ottiene grazie a una tessitura piuttosto compatta del filo di cotone (interlock) su una macchina speciale a doppia frontura.
Alcuni cilindri abrasivi creano una smerigliatura (detta anche garzatura, da cui deriva il nome di “cotone garzato”) del lato interno del tessuto. È questa lavorazione che crea infinite microcamere che generano il cosiddetto “effetto caldo cotone”: le microcamere creano un cuscinetto termico che mantiene il calore della pelle.

I vantaggi del caldo cotone

Gli stessi della lana:

  • la sensazione di calore
  • la traspirabilità.

Ma il cotone interlock, in più,  ha ulteriori vantaggi innegabili:

  • una manutenzione molto facile
  • non si restringe e non infeltrisce
  • resiste gli agenti atmosferici
  • è facile da lavare
  • si asciuga molto velocemente.

Il cotone termico ha degli svantaggi?

Certo. I risultati possono essere drammaticamente deludenti se nella tessitura si usano filati di cotone scadenti, una tessitura meno compatta per avere più velocità, e una garzatura interna approssimativa.

Ma questo, di sicuro non è il nostro caso, abbiamo scelto il meglio: il filato è ultra-pettinato titolo 36/1 con tessitura interlock, smerigliatura interna e infine finissaggio certificato oeko-tex standard 100.

Quali capi realizziamo con il nostro tessuto in caldo cotone?

Magliette per bambino e bambina, la classica maglietta da uomo sia a manica corta che a manica lunga, le tre versioni
classiche per donna e ragazza: canottiera spalla larga, maglia manica corta e a manica lunga.
I colori a disposizione sono tre: bianco, nero e grigio mélange.

Bambini

Uomo

Donna

Sarà un inverno mite o freddo? Non importa, con il caldo cotone Simplycris sulla pelle avrai sempre il giusto mix tra mantenimento del calore e traspirabilità!

Commenti

  • Buongiorno, sono interessata all’acquisto della maglietta in caldo cotone. Chiedo cortesemente se è adatta nella pratica sportiva (mtb), dove c’è tanta sudorazione, e se è traspirante. Grazie. Cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.